sabato 20 ottobre 2018

La cimice e il barattolo

I più affezionati tra voi senz'altro ricorderanno la tecnica di cattura di mosche, mosconi & affini esposta in questo post.

Ho deciso di dedicare un post alla categoria numero due dei rompip... della natura (dopo i ditteri, ovviamente): le cimici, che, in questo periodo, stanno toccando apici di diffusione davvero impressionanti.

Ebbene, a differenza di mosche & affini (che mi limito a buttar fuori di casa), nel loro caso ho deciso di passare alle maniere forti ed eliminarle in senso fisico.

La tecnica è semplice: prendete un vasetto di vetro, ne riempite il fondo con 3/4 cm. di acqua e lo ponete direttamente sotto la cimice molesta.

Normalmente la medesima si tuffa direttamente nel vasetto, nel tentativo di prendere il volo e finisce in acqua, da dove non esce più.
A volte, ovviamente, sarà necessario "incentivare" l'insetto con un bastoncino o una busta di carta piegata per spingerlo al tuffo involontario.

Provare per credere.

1 commento:

mother ha detto...

Io uso la tecnica dei due pezzi di carta igienica. Uno davanti alla cimice fermo, l'altro che si avvicina al cimice da dietro. Il cimice prende paura, corre sul pezzo di carta igienica fermo e finisce nel WC.
Un giorno faranno un film dell'orrore con cimici giganti che escono dalle fogne come alligatori.

Molto più gratificante piazzarsi in estate vicino ad una ragnatela di un ragno e giocare a ping pong con le zanzare mandandole sulla ragnatela con un colpo di kung fu ben assestato.