mercoledì 19 maggio 2010

Che male fanno (parte terza)

Non c'è nulla da dire.
Sta tutto scritto sugli articoli di WeWee e di Paolo Attivissimo.
Spero solo, di cuore, che qualche seguace degli alternativi, legga e ci ragioni sopra.

Un esempio, triste anch'esso, ce lo aveva dato tempo fa anche Gianni Comoretto.


Aggiornamento.

Mi permetto di copiare un commento fra i tanti che hanno coronato il dibattito sul post di Paolo.
Spero non me ne vogliano né Paolo, né l'autore.
Credo non occorrano commenti neanche a questo.
Caro Paolo,
ho trovato il tuo articolo citato da Christian Rocca e da lì sei finito nel nostro forum hivforum.info.

Sono uno dei 120.000 sieropositivi italiani.

Nella sfiga, viviamo bene: siamo figli di un Paese ricco, la cui eccellente sanità paga a pie’ di lista i nostri esami e le nostre cure. La nostra aspettativa di vita, pur non essendoci ancora prospettive di guarigione, non è oramai molto inferiore a quella di una persona “sana”.

Ma abbiamo un problema: i luridi cani che, speculando sul dolore che la nostra malattia semina nelle menti di chi resta contagiato, vanno in giro a raccontare bestemmie, spingono gente debole a non curarsi, raccontano che l’HIV non esiste, che bastano le vitamine, l’argento colloidale e ogni altro genere di cazzate.

Tra noi, hanno addirittura una dignità culturale, si chiamano e vengono chiamati “dissidenti” quasi fossero dei Sacharov o dei Solženicyn e non invece rispettivamente dei creduloni e degli assassini.

Così, ogni tanto “ci scappa il morto”: uomini e donne che avrebbero potuto invecchiare tranquillamente, e che invece sono uccisi dalle teorie infami di questi spacciatori di disperazione.

L’unica cosa buona, è che muoiono anche i propalatori di queste menzogne.

Ecco, volevo ringraziarti, perché in questa battaglia per la razionalità e la fiducia nel metodo scientifico ogni tanto ci sentiamo soli: sapere di non esserlo fa tanto bene al cuore.

7 commenti:

Orsovolante ha detto...

Purtroppo leggendo i commenti sul blog di attivissimo mi rendo conto che spesso la loro è più una fede che una scelta consapevole...
per non parlare di coloro che dicono di usare la medicina alternativa perché le case farmaceutiche sono brutte e cattive....

McG ha detto...

La prima parola che mi è venuta in mente nel leggere i post citati è "devastante" e, anche a pensarci bene, non me ne sovvengono altre.

Diffondo: credo non si possa fare di più.

Skeptic ha detto...

non c'è nulla da dire...ma c'è molto da fare.

Luciano ha detto...

Giocare alle macchinette mangiasoldi?

Votare per il Grande Fratello oppure chi vince San Remo?

E dai ragazzi, piantatela e pensate a cose più serie: questi 2 coglioni (tipo Sterker e suo fratello) sono veramente il male minore.

Grezzo ha detto...

Ma io mi chiedo una cosa, chi diffonde sciocchezze come "l'AIDS non esiste" si rende conto di quante persone sta denigrando e infangando? Certe volte rimango allibito, sembra che il voler negare a tutti i costi sia il loro unico hibby per sopperire alla loro mediocrità.

brain_use ha detto...

Fosse solo questione di denigrare...
C'è chi ci crepa:
http://medbunker.blogspot.com/2009/06/hiv-un-mistero-che-non-esiste.html

http://giannicomoretto.blogspot.com/2009/01/che-male-fanno.html

Claudio Casonato ha detto...

Brain, ti ricordi l'acqua diamante?
http://bufole.blogspot.com/2009/05/acqua-diamante-e-dintorni_26.html