lunedì 21 settembre 2009

8 anni dopo: il punto sul complottismo Undicisettembrino


Parassitosamente (si può dire?) prendo a prestito la vignetta di John a corredo di questo articolo.

E' un periodo un po' particolare in "casa del complotto". L'anniversario dell'11 settembre rilancia sempre un po' il dibattito. Esaurite le bufale presentabili e in mancanza di una qualsiasi "teoria alternativa" da spacciare alle masse, i soliti noti si limitano a pappagallare le cose vecchie, a riproporre come novità notiziole e fantasie ormai debunkate da anni. E a buttarla sulla dialettica, tecnica, anche questa, tutt'altro che nuova al dibattito cospirazionista.

Per fare il punto sulla situazione vale l'articolo di John citato in apertura a proposito delle ultime boutade dei complottisti nostrani, che fa il paio con questa Perla mazzucchiana.

Vale questa nota di Paolo Attivissimo, vale questo articolo di John sulle "zone grigie" della ricerca sull'11/9, pubblicato su Undicisettembre, ed anche questo su Giornalettismo.

Valgono, purtroppo, anche queste ultime Perle a proposito delle reazioni dei soliti noti all'attentato in cui hanno recentemente perso la vita 6 nostri soldati:
http://complottismo.blogspot.com/2009/09/luogocomune-sui-militari-italiani.html
http://complottismo.blogspot.com/2009/09/attentato-kabul-ecco-altri-vermi.html

Buona lettura

Mi permetto di tradurre la vignetta d'apertura per gli eventuali lettori non anglofoni:



10 commenti:

usa-free ha detto...

Gente come Ramone e Lillo è inqualificabile.

gnomettosamuele ha detto...

Inqualificabile? Io direi piuttosto "pezzi di m..."

Foxxya ha detto...

gli ANTIFAncazzisti sono un popolo anarchico disperso nelle rive del fiume Rio delle Am..inkiate (umm ma forse era Rio delle Am...mukyate). Stano con un piede sulla riva di estrema destra e con l'altro sulla riva di estrema sinistra a seconda che convenga loro far i deficienti eclatanti più da una parte o dall'altra in modo tale da sputtanare il luogo politico dove si trovano.
Adorano la libertà in tutte le sue forme (da religione, da tasse, da leggi, da giornalisti indagatori, ecc...) e sono spesso vicini al traffico di droga della mafia nei rave party.
Prediligono leggere Grillo, il quale con lo spot internettiano dell'informazione che proviene dal basso forse si è accorto troppo tardi della valanga di fa-ncazzate complottiste che gli hanno suggerito (palle sceme per la pulizia del frigo, 11 settembre, scie chimiche, negazionismo,...si non si fanno mancare nulla).
Si intrufolano da altri autori internettiani come Travaglio e cercano di far loro prendere posizione sulla guerra in Palestina (vietato guardare Barnard Vs Travaglio sull'argomento), Signorinaggio, Giuliani, G8 di Genova, ... tanto trovano comunque il modo di essere critici sia se uno gli da corda sia se li si caccia come troll.

Alla fine, grazie alla possibilità di cambiare username riescono sempre e comunque a giocare con i sentimenti della gente, a dare nell'occhio con uscite palesemente sbagliate o disprezzabili, e per aver un modo di ragionare che fa rivoltare Socrate nella tomba.
Se è chiaro che il loro gioco è basato su questi fatti e sulla volontà di creare guerra informativa e psicologica nel web, dall'altro la vera natura dell'anarcofancazzista e le reali motivazioni che lo spingono alla guerra informativa non possono che risiedere nell'ombra di teorie complottiste.
Chi dice che siano di destra, chi di sinistra (nessuno dice che sono di centro), chi dice che sono fascisti infiltrati fra comunisti, chi dice che sono nazional socialisti, chi dice che sono di estrema sinistra non moderata, chi dice che hanno come vati ex-balilla, chi li descrive come elementi rappresentativi di tutta la destra o di tutta la sinista...

Per fortuna molta gente li manda soltanto a fanculo ogni volta che legge qualche loro scritto nel web.

Saluti

Rado il Figo ha detto...

Foxxya; quale dei due Giuliani?

Foxxya ha detto...

Quello con la testa rasata da skinhead. Decidete voi se skin. rosso o nero.
Personalmente di Giuliani anarchico credo vengano dette cose giuste e cose sbagliate. Comunque è una morte che si poteva evitare se tutti i soggetti coinvolti avessero agito diversamente.

Però forse anche Giuliani ricercatore sull'antisismica sta ammaliando il mondo degli "alternativi" e quello degli anarchici.
Vediamo se nei prossimi anni diviene una nuova teoria complottista.

Rado il Figo ha detto...

A dire il vero lo è già diventato: a prescindere da quello che abbia o non abbia detto, aveva sempre ragione a sentire i suoi adepti. Ricordo discussione su crono911 con un suo seguace e le solite punte di cecità e malafede.

theDRaKKaR ha detto...

@foxxya

credo che questa gente sia la cosa più vicina agli squadristi fascisti che il nostro tempo moderno abbia creato

noi non ci ricordiamo, ma i nostri genitori o nonni sì, in passato andavano in giro gruppi di facinoroso vestiti di nero che denigravano, picchiavano, umiliavano e a volte uccidevano persone solo perché gli stavano sul cazzo o perché non la pensavano come loro: si chiamavano squadristi e facevano cose come gioire della morte altrui e umiliare cadaveri... ebbene quelli che urlano 10 100 1000 nassyria, godono del crollo delle torri gemelle o si felicitano degli attentati kamikaze mi ricordano gli squadristi: sono convinto che se potessero, se fossimo in una dittatura, quelli andrebbero in giro a fare le stesse cose che facevano gli squadristi fascisti

Foxxya ha detto...

@Rado Il Figo
Gioisci...ora Giuliani sta facendo un dvd. Comunque deve cavarsela anche con la denuncia per "creato allarme".
Il motivo per criticare la sua teoria ce l'ho. Aspetto questa pubblicazione per vedere se ho ragione a pensarlo più fra i ciarlatani che fra gli autori seri.

@theDRaKKaR
ANTIFA è una "associazione" storica che ha combatttuto contro il fascismo ed anche contro Franco.
Tra l'altro negli anni sessanta gli scontri fra destra, sinistra, e polizia erano tutti orientati allo squadrismo (accantonando la neo-teoria di giornalisti di sinistra che vedono la "strategia del terrore" in ottica geopolitica mondiale con il coinvolgimento degli USA).

Virgolette su "Associazione" perchè non mi viene termine migliore.

Il problema è che l'anarchico è anarchico. Non è comunista, nè fascista, nè liberista, nè altre forme politiche "classiche".
Teoricamente in quanto anarchico la sua idea, ciò che lo spinge è convincere il prossimo all'idea che il concetto di stato, di apparati ed enti di stato, la politica, i partiti politici, ecc... sono sbagliati.
Tuttavia opinione che sostengoo ed altri possono condividere o meno anche perchè politica, un assembramento di elementi che sfruttano ogni occasione per affermare ideali anarchici o guerra di informazione assieme ad un atteggiamento estremamente violento, fornisce una scusa adatta a chi sfrutta la politica per i proprio interesse, anzichè per l'interesse dell'elettore.
Anche quest'ultimo, passibile di critica per varie forme di conflitto di interesse, non rientra nelle ideologie politiche "classiche" del mondo occidentale.
D'altra parte come scritto nel primo messaggio, questa idea è opinabile e
"Per fortuna molta gente li manda soltanto a fanculo ogni volta che legge qualche loro scritto nel web."

Quanto all'11 settembre, si può vedere come molti lo stiano sfruttando per il loro tornaconto ideologico, non solo anarchico, più che per la ricerca della verità in un miscuglio in cui non vi è distinzione fra libertà di opinione, libertà di informazione, libertà di dir cazzate e professionalità investigativa-giornalistica.

Saluti

Bera ha detto...

@Foxxya (e theDRaKKaR)

Scusa se mi intrometto nella tua analisi ma che si dichiarino pacifisti, anarchici o milanisti il loro comportamento è, nei fatti, fascista.
E' gente che ti picchia o comunque ti insulta perchè non la pensi come loro.
Ho visto persone aggredite dai "pacifisti" perchè non erano contro l'intervento in Yugoslavia!!
E' tutto molto subdolo perchè loro ti "menano" per nobili ideali e se tu reagisci per non essere "menato" passi per guerrafondaio.
A dire il vero si potrebbe usare il termine "comunismo" invece di "fascismo" perchè sono entrambi estremismi illiberali ma in Italia non si usa (anzi solo per aver scritto questo mi aspetto qualche commento che spieghi che sono solo 4 cretini che non hanno capito niente di Marx o Bakunin).
Tolta questa precisazione (semantica più che altro) sottoscrivo quello che tu e DraKKar avete scritto, spero comunque che, prima di venir fermati, questi anarcofancazziisti vi puniscano per aver scelto due fra i nick più complicati da scrivere :) persone

Foxxya ha detto...

@Bera
Che ti devo dire, pensala come la vuoi su di loro, peraltro concetto già espresso.
L'onta più grande per loro è non tanto fanculizzarli quando hanno certe uscite, ma ignorarli completamente su tutto quel che dicono.
In Italia diversamente dal mondo vige una regola: ogni ideologia politica si prende 1-2 idee giuste non scelte da altri e le attornia di una decina di idee sbagliate.
Il consenso si ottiene dalla critica delle idee sbagliate degli altri, le elezioni si vincono con la-e 1-2 idee giuste proposte, ed una volta eletti si realizzano solo le proprie idee sbagliate, le quali divengono motivo di critica per gli altri, nonchè alternanza di diversi gruppi politici nelle istituzioni.




@theDRaKKaR
ANTIFA è una "associazione" storica che ha combatttuto contro il fascismo ed anche contro Franco.
--------------
Aggiungo: ANTIFA ha anche lottato contro i fascisti nostrani quando c'era il Duce. Gli aderenti spesso dovevano ricorrere ad una struttura segreta presente in Francia "la casa del soccorso rosso" per evitare processi e condanne a morte della dittatura. Credo che nasca qui la vicinanza che porta alcuni di rifondazione comunista a chiamare il gruppo come "compagni anarchici" in pieno ossimoro dato che l'appartenenza ad un gruppo politico dovrebbe essere in contrasto con le volontà anarchiche ed antipolitiche.
Peccato che poi in Russia con Stalin gli esuli fecero comunque una brutta fine. Ricordo anche un'intervista di Biagi a Togliatti che chiedeva informazioni su questi italiani messi nei gulag russi.
Ispiratore degli anarchici è più Trotzsky.

saluti